09 Marzo 2012, 13:20:04Commento scritto da Darkyo
Voto: 4.00
L'idea di base è davvero curiosa (a demoni che usano le reti informatiche per andare a caccia di anime si contrappongono esosrcisti high-tech che cercano di ricacciare nella realtà virtuale le creature infernali), ottima per un racconto breve o, magari, per una serie di racconti; per un romanzo, però, è davvero poco. Da subito ci si accorge che l'autore non sa dove andare a parare: scene e intrecci laterali giusto per fare un po' di pagine; decine personaggi senza ruolo; la fantascienza che si trasforma in horror, non quell'orrore inquietante tipo L'esorcista, bensì un noioso mix di violenza gratuita, goffe descrizioni dell'inferno e dei suoi abitanti, magia/misticismo/religiosità senza senso. Andrò pure controcorrente rispetto agli altri colleghi uraniamaniaci, ma io l'ho trovato pessimo.
 
24 Dicembre 2009, 11:46:25Commento scritto da rombetto
Voto: 7.00
Si è vero il finale è un po' deludente, ma ci sono tante trovate in quyesto bel cyber-thriller che quasi non ci si fa caso.
Quando ho trovato il libro sulla bancarella quasi non volevo comprarlo, ora sono certa che me ne sarei pentita perchè è davvero un bel romanzo avvincente.
 
08 Giugno 2009, 10:29:48Commento scritto da Thx 1138
Voto: 8.50
Un quasi-cyberpunk che scivola nel tecno-fantasy, uno spunto molto originale, ottimi personaggi, trama avvincente e forse, come denunciato da altri Umini, solo un finale sottotono (come unica pecca).
 
18 Novembre 2008, 21:18:01Commento scritto da caioiii
Voto: 7.00
Non un capolavoro, siamo ben lontani da tali definizioni, ma un discreto romanzo si. L'idea meriterebbe un 9 però troppo cyberpunk, per i miei gusti, che non riuscivo a volte a seguire, troppo prolisso in alcune descrizioni che sembrano messe lì per far vedere quanto ne sapeva di informatica. Ed anche, una seconda parte, che sembra la compagnia dell'anello in versione sf. Comunque grande plauso all'autore ed i miei complimenti. Vorrei più italiani come Genovesi.
 
11 Giugno 2008, 14:03:15Commento scritto da maxpullo
Voto: 7.00
Quando un romanzo nasce da una ottima idea, quando lo scrittore ci mette tutta la passione di anni di letture e quando la storia è scritta in modo magistrale, allora le premesse per il capolavoro ci sono tutte, ma purtroppo basta davvero poco per rovinare tutto e qui la frittata si fa proprio nelle ultime venti pagine...
Avvincente come pochi altri, questo libro, sin dalle prime pagine mi ha fatto gridare quasi al "miracolo" perchè è riuscito a farmi rivivere le stesse emozioni tanto di IT (Stephen King), quanto di Operazione Caos (Poul Anderson) e dell'esorcista. La caratterizzazione dei personaggi, l'ambientazione, la tecnica oserei dire "cinematografica" sono le caratteristiche salienti di questo libro che mantiene le premesse quasi sino alla fine.
Nel finale, purtroppo, l'atmosfera si perde del tutto e, dopo una attesa febbrile ed una preparazione perfetta, l'ingresso nel mondo infernale, l'entrata in scena dei demoni e le fasi dello scontro sono davvero deludenti.
Un capolavoro mancato
 
27 Febbraio 2008, 09:02:22Commento scritto da Gundam70
Voto: 8.50
Molto bello questo romanzo di un nostro conterraneo.
Un esorcista con microchip e innesti di silicio nel cervello deve affrontare un caso D.E.M.O.N. (Detected Enemy Movement On Net) perche' il demonio scorre ora su Internet per impossessarsi delle anime degli uomini.
Molta azione, molta High Tech. Personaggi ben delineati e trama particolarmente coinvolgente.
La descrizione degli inferi e dei demoni non fa mai paura, ma riesce nell'intento di creare una giusta atmosfera.
Il finale assume tinte molto fantasy (il gruppo del mago, del prete, del guerriero e della fata carica il castello del malvagio).
Godibilissimo.
 
Utenti cui piace il libro
Utenti cui non piace il libro