04 Maggio 2015, 22:47:11Commento scritto da adso
Voto: 7.00
Buon romanzo incentrato sul tema dell'immortalità. Il susseguirsi di avventure divertenti in cui si trova invischiato il protagonista, rendono la lettura assai piacevole e per nulla pesante. Consigliato
 
09 Febbraio 2015, 13:17:42Commento scritto da emilio
Voto: 7.50
Originale,accattivante, un po' prolisso. Almeno è fantascienza!
 
07 Marzo 2014, 15:01:03Commento scritto da U
Voto: 8.50
Libro dal mio primo blocco di acquisti Urania nel 1999. Altri splendidi ricordi di lettura (e rilettura). Agli occhi di un ragazzino era un capolavoro assoluto, oggi magari un po' meno ma rimane un romanzo ottimo che consiglio a tutti. Grandissimo inizio, grande idea, bel finale.
 
29 Marzo 2011, 12:03:28Commento scritto da caioiii
Voto: 7.50

Godibile e leggero alla lettura ma profondo nella sua morale. La vita è un gioco di qualcun'altro? Potrebbe essere, se non come spiegarsi certi avvenimenti della vita? A volte divertente, forse un pò troppo descrittivo ed esagerato nelle capacità del protagonista. Comunque i miei complimenti a Mongai.
 
14 Settembre 2010, 20:50:55Commento scritto da Darkyo
Voto: 7.00
Un romanzo leggero e piacevole: l'idea non è quanto di più originale nella letteratura di fantascienza, ma lo svolgimento può riservare delle divertenti sorprese al lettore in cerca di svago. Le disavventure del protagonista sono coinvolgenti e appaiono più riuscite del finale in cui l'autore, citando Adams, finisce per perdersi in spiegazioni superflue e poco convincenti.
 
08 Maggio 2010, 18:06:17Commento scritto da razzomissile
Voto: 7.00
Discreto, sebbene non all'altezza di un altro (bellissimo) romanzo dell'autore: "Memorie di un cuoco d'astronave".
L'dea degli immortali sembra, effettivamente,  rifarsi un po' ai topi di Adams, senza tuttavia averne la stessa carica ironica.
Giudizio positivo per l'ambientazione e la discesa nell'utero-ecosistema. L'idea migliore del libro resta il ciclo di morte e rinascita,molto in chiave videogame.
 
23 Gennaio 2009, 21:50:16Commento scritto da luciana
Voto: 8.50
Lo spirito gigione di Mongai ritorna in questo romanzo che affronta un tema caro alla fantascienza: l'immortalità, vista come un gioco crudele al quale non ci si può sottrarre. Interessante la prospettiva con la quale viene affrontata la storia, cioè quella di un ignaro umano che si ritrova immortale. Niente filosofia, niente religione, nessuna altisonante verità. Il libro è solamente divertente. Il voto è dovuto a una serie di lungaggini nella descrizione di situazioni nelle quali si ritrova il protagonista, che annoiano un pò.
 
14 Dicembre 2006, 10:45:39Commento scritto da marsman60
Voto: 5.00
l'idea e' nota ma qui trattata piuttosto noiosamente con solo qualche spunto vivace gli immortali mi ricordano i primi capitoli di "guida galattica per autostoppisti"(topi)
l'unica  vera sorpresa che rialza il mio voto e' il finale che ti lascia aperta la porta per una seconda avventura.
 
Utenti cui piace il libro
Soci della Tana del Trifide:

Vedi il profilo utente
Utenti cui non piace il libro