07 Dicembre 2016, 19:32:19Commento scritto da astrologo
Voto: 5.00
In realtà avevo già letto qualcosa di questa corrente cyberpunk ed adesso ho letto la collana di racconti qui citata.
Debbo innanzi di tutto dire che di fantascienza classica c'è molto poco ed i racconti (almeno la maggior parte) mi sono sembrati più un esercizio di stile . Salvo solstizio per la buona drammaticità dell'insieme ed in parte Freezone per il bello stile messo in mostra nel raccontare un cambiamento di vita. (ma fa parte di un romanzo o è stato travasato in un romanzo dello stesso autore).
 
20 Settembre 2015, 09:33:08Commento scritto da gasp63
Voto: 6.50

Siamo nel 2015 e con quasi 30 anni di ritardo arrivo a leggere Mirroshades, considerato il manifesto cyberpunk.

Per molti anni ho evitato di leggere fantascienza recente e in particolare tutto ciò che viene definito cyberpunk
a causa di un iniziale giudizio negativo che ho sviluppato a seguito della lettura di "Luce Virtuale" di William Gibson.

Errore enorme; questa raccolta dimostra che con cyberpunk si intende una quantità di autori e stili anche molto diversi tra loro,
ed è quindi naturale trovare in questa corrente letteraria sia ciò che piace che ciò che non piace.

(1) Il continuum di Gernsback - William GIBSON (8) - design futuristico
(2) Occhi di serpente - Tom MADDOX (6) - innesti cerebrali
(3) A tutto rock - Pat CADIGAN (5) - sempre innesti cerebrali
(4) Le imprese di Houdini - Rudy RUCKER (6) - Houdini cyberpunk
(5) 400 boys - Marc LAIDLAW (8) - una nuova banda in città
(6) Solstizio - James Patrick KELLY (5) - droga come arte
(7) Petra - Greg BEAR (5) - uomini di carne e pietra
(8) Fin quando voci umane non ci sveglieranno - Lewis SHINER (8) un nuovo mondo con la genetica
(9) Freezone - John SHIRLEY (6) - isola galleggiante e vecchio rock
(10) Stone è vivo - Paul DI FILIPPO (9) - tecnologia e controllo sociale
(11) Stella rossa, orbita d'inverno - Bruce STERLING e William GIBSON (8) - stazione spaziale in dismissione
(12) Mozart con gli occhiali a specchio - Bruce STERLING e Lewis SHINER (6) - modificare il continuum senza porsi problemi
 
13 Giugno 2014, 16:22:04Commento scritto da nickel
Voto: 6.00
  Niente, io questo genere lo trovo difficile...
 
04 Novembre 2011, 09:56:29Commento scritto da PabloE
Voto: 4.50

Molte le insufficienze gravissime per questa antologia manifesto, dovute per lo più all'incentrare un intero racconto sul rock, ad uscite (di senno) che sanno di SF come il sushi sa di nutella, a modi di scrivere "cool" che rendono impossibile continuare un racconto.

In questo mare di munnezza si trova un piccolo gioiellino, Stone è vivo di Di Filippo, un racconto che trova la sua maggior qualità nel non far girare la trama prettamente attorno ai temi cyberpunk (cosa che negli altri racconti si nota fin troppo), ma partendo da un presupposto cyber (l'impianto di occhi artificiali) sviluppa una trama coerente e affascinante seppur limitata.

Altri racconti che si salvano sono Solstizio, Mozart con gli occhiali a specchio e Stella rossa, orbita d'inverno. Il resto si può benissimo buttarlo in un inceneritore, è inutile anche cercare di riciclarlo.
 
27 Settembre 2010, 08:53:08Commento scritto da luca1980
Voto: 6.00
Concordo con il commento lasciato da Cybermax, questa raccolta e' denotata da alti e bassi ma sicuramente l'ultimo racconto "MOZART con gli occhiali a specchio" e' da scartare.
 
13 Febbraio 2010, 08:14:22Commento scritto da Rocheta
Voto: 6.50
Il Cyberpunk è un genere che ha rivoluzionato il modo della fantascienza, influenzando in qualche modo le opere  uscite successivamente. Può piacere o non piacere ma è innegabile che in questa raccolta, accanto a dei veri capolavori, sono stati inseriti dei racconti che non vale la pena di leggere. Bruce Sterling, curatore del libro, avrebbe potuto fare delle scelte migliori
 
11 Settembre 2008, 23:35:01Commento scritto da Paolo-42
Voto: 4.00
Inutile... certi racconti sono "imbarazzanti"...

Forse sono troppo cattivo... forse é perché non mi piace il cyberpunk...

Nel dubbio metto un voto più alto di quello che credo meriterebbe....
 
21 Maggio 2007, 22:37:54Commento scritto da grifone58
Voto: 5.50
Una raccolta di racconti che non meritano la sufficienza... il cyberpunk poi non è decisamente la mia passione, preferisco la SF classica
 
21 Maggio 2007, 14:31:07Commento scritto da marsman60
Voto: 5.00
come tutte le antologie, che vengono presentate sia in urania che nelle varie collane, vi si trovano  2-3 bei racconti che valgono piu' di otto ed il resto e puro riempimento del libro con opere minori se non addirittura fallimentari(flop) dei vari autori . si aggiunga poi che il cyberpunk non e' che mi piaccia molto (a parte eclipse e seguito) proprio perche' l'immagine che mi faccio della storia  del racconto,quando lo leggo,non e' chiara e fluente come dovrebbe essere,forse il bello e' proprio questo e ame cio' non piace.
per questi motivi il mio voto e' negativo e cosi' sara' da ora in poi per tutte le antologie in cui la maggioranza dei racconti non raggiuga la sufficienza.
 
03 Agosto 2006, 16:04:05Commento scritto da Cybermax
Voto: 6.00
Avrei diversi aggettivi per definire i vari racconti....ma non li uso.
Facciamo cosi.
Numero racconto e Voto poi faccio una media
1 - 5
2 - 5
3 - 5
4 - 4
5 - 6
6 - 8
7 - 7
8 - 7
9 - 7
10 - 6
11 - 9
12 - 3

Media un sei stiracchiato. Che delusione.
Ciao Ciao.
 
21 Giugno 2005, 10:41:08Commento scritto da attiliosfunel
Voto: 6.50
Mah! Ricordo di essere stato introdotto al Cyberpunk dallo splendido numero 1110, "La notte che bruciammo Chrome". Poi, però... anni dopo tendo a concludere che, come tutte le mode passeggere prive di autentica sostanza, si sia strattato di una specie di grossa bufala. Non che il materiale qui contenuto sia poi così malaccio. Però è mancato, a mio parere, quell'autentico rinnovamento promesso dai primi testi di Gibson (solo alcuni capolavori, gli altri stanchi) e Sterling (forse nemmeno quello). C'è poi un certo grado di pretenziosità in molti di questi racconti, del tipo guardate-come-sono-"cool"-a-scrivere-questa-roba-cyberpunk.
 
Utenti cui piace il libro
fieramosca
Utenti cui non piace il libro