02 Settembre 2015, 20:02:38Commento scritto da Han Tavers
Voto: 6.00
Il titolo è fuorviante; la storia ruota intorno alla pianificazione di un furto di un rubino; il resto è una serie di azioni casuali per portare a casa il romanzo; si fa leggere velocemente ma rimane un pochino scialbo.
 
25 Febbraio 2012, 14:40:09Commento scritto da Free Will
Voto: 6.00
Disorienta un po' il fatto che lo sconosciuto autore abbia un nome di donna e che la protagonista del romanzo abbia un nome di uomo. Inoltre il racconto è ambientato su un pianeta lontano che, chissà per quale motivo, è identico alla Grecia, nei nomi, nella lingua e perfino nella moneta precedente all'euro, la dracma (forse l'autore prevede l'uscita dall'euro della Grecia, a causa della crisi?).
La storia è inesistente. O meglio: accadono molte cose, anche drammatiche, ma tutto è circoscritto ad una disputa commerciale fra la nostra eroina ed il cattivo di turno, che non lesina colpi bassi ed azioni malvagie.
Molto interessante è l'idea di una rete di comunicazione universale, considerando che il libro è stato scritto quando internet non esisteva ancora, ed anche l'utilizzo della stessa con interfacce cerebrali per la gestione della navigazione delle astronavi.
A proposito di navigazione, l'autore riesce ad immaginare anche una specie di Tom Tom, sempre prima che venisse realmente inventato. Piuttosto bizzarre e tutto sommato inutili sono invece le modificazioni artificiali di alcuni personaggi, alcuni ben caratterizzati nel racconto ed altri meno.
 
28 Settembre 2011, 19:38:16Commento scritto da ciccio49
Voto: 6.00
Cibernetico.
 
Utenti cui piace il libro
Soci della Tana del Trifide:

Vedi il profilo utente, Vedi il profilo utente
Utenti cui non piace il libro