Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
miky1 miky1 Amico di Urania Mania
marco.kapp Vedi il profilo utente 
Kolok Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Visitatore Visitatori(58)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania Collezione - Mondadori - Serie cerchio grigio

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:101527
 
Piace a 14 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 6.94
 
N.:   148
La Ballata di Beta-2
Samuel R. DELANY (ps. di Samuel Ray DELANY)
     Traduzione: Vittorio CURTONI e Gianni MONTANARI
     Copertina: Franco BRAMBILLA
 
Data:   Maggio 2015 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   The Ballad of Beta-2, 1965
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   125 x 195
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   182
 
 
  Ultima modifica scheda: Lucky 25/09/2018-21:39:53
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
LA BALLATA DI BETA-2 (1965) Una spedizione interstellare disastrata, un remoto sistema solare colonizzato dai discendenti dei terrestri, una cultura refrattaria a ogni contatto con l’esterno e isolata nei gusci di dodici vecchie astronavi…
“The Ballad of Beta-2 è un’opera avventurosa nel senso più completo della parola; ma ricca, piena, intensa.
Il mondo complesso e multiforme delle dodici astronavi è ricostruito con intelligenza dall’interno, senza risparmiare le frecciate polemiche verso il mondo contemporaneo (il dibattito sui rituali, ad esempio).
Qualche brano è, a nostro parere, niente di meno che un capolavoro di perfezione: l’incontro di Leela con il Distruttore, o le poche pagine finali del diario di Hodge, tanto intense quanto assolutamente virili.
La soluzione è di un’estrema originalità, con la chiave di volta rappresentata dalla solitudine di un essere.”
(Vittorio Curtoni e Gianni Montanari)