Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
bibliotecario Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
attiliosfunel attiliosfunel 
nollicus Vedi il profilo utente 
stalker1 stalker1 
Zia Marisa Zia Marisa 
zecca_2000 zecca_2000 
Visitatore Visitatori(38)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:989
 
Piace a 3 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 7.17
 
N. Volume:   981
Titolo:   Cybernia
Autore:   Lou CAMERON
   Traduzione: Beata DELLA FRATTINA
   Copertina: Karel THOLE
 
Data Pubbl.:   14 Ottobre 1984 ISBN:    non presente
Titolo Orig.:   Cybernia, 1972
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  N. pagine:   160
 
RISTAMPA del numero: 611
 
  Ultima modifica scheda: victory 10/02/2014-21:20:55
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Cybernia è una città satellite, a distanza pendolare da New York. È anche una città modello, studiata e programmata nei minimi particolari da un gruppo di scienziati entusiasti e lungimiranti. È anche una città molto privata cintata da una rete ad alta tensione. È infine una città comodissima, perché tutti i servizi sono completamente automatizzati e fanno capo a un cervello elettronico sistemato nei sotterranei del municipio. Quando questa mente infallibile comincia a sbagliarsi Ross Mac Lean, un tecnico elettronico, viene invitato a passare qualche giorno a Cybernia, tanto per dare un'occhiata. Sembra una piacevole vacanza, fino a quando gli sbagli del computer non cominciano a diventare piuttosto pericolosi e piuttosto personali, come se avessero uno scopo preciso, una intenzione malevola, un misterioso piano omicida. C'è qualcuno che controlla la macchina? O la macchina è ormai sfuggita di mano ai suoi controllori?