Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(23)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:984
 
Piace a 3 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 5.75
 
N.:   976
Mitologie del futuro prossimo
J. G. BALLARD (ps. di James Graham BALLARD)
     Traduzione: Giuseppe LIPPI
     Copertina: Karel THOLE
 
Data:   5 Agosto 1984 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Myths of the Near Future, 1982
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:   176
 
 
  Ultima modifica scheda: Lucky 14/09/2018-12:58:48
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Con le sue allucinate e allucinanti narrazioni Ballard non finisce mai di sorprenderci, emozionarci, entusiasmarci, ma anche, diciamolo pure, di irritarci. Che cosa vuole significare? Con chi ce l'ha? Da che parte sta? Che senso hanno in definitiva le sue torbide atmosfere e le sue mortali angosce, i suoi incubi eternamente ricorrenti? Questa antologia dei suoi ultimi racconti, proprio perché spinge l'ambiguità oltre ogni limite, ci fornisce probabilmente una chiave di interpretazione. Gli incubi più neri di Ballard assolvono paradossalmente una funzione liberatoria: sono altrettanti "viaggi al termine della notte" che finiscono (come nella storia che dà il titolo alla raccolta) per riportare letteralmente "verso il sole" . Mentre è in situazioni apparentemente "rosa" (come nei "Saluti da Las Palmas" , nel "Sorriso" o nell'atroce "Riunione di famiglia" ) che Ballard si riafferma come il più lucido, impassibile e spietato tra i moderni profeti di orrori.