Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Algernon Algernon 
Fedmahn Kassad69 Fedmahn Kassad69 
Visitatore Visitatori(57)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Opere di Edgar Rice Burroughs - Giunti Bemporad Marzocco

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:9573
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N.:   1 (17)
La principessa di Marte
Edgar Rice BURROUGHS
     Traduzione: Giulio DE ANGELIS
 
Data:   24 Agosto 1973 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   A princess of Mars, 1912
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   108 x 180
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   256
 
 
  Ultima modifica scheda: trifide 13/12/2012-07:03:24
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
John Carter, gentiluomo della Virginia, ex-capitano nell'esercito confederato, affascinante aristocratico ritrovatosi senza un mestiere e con un pugno di svalutatissimi dollari sudisti alla fine della guerra di secessione, una sera, assorto nei suoi pensieri, alza gli occhi a guardare il cielo. E' uno di quei gesti tranquilli che schiudono una grande epopea, uno di quei movimenti emblematici che inaugurano le avventure di personaggi anche maggiori del nostro John: Faust, Alice, Peter Schlemil. Ma le conseguenze sono per John Carter di pari momento: nel contemplare il cielo dalle colline brulle dell'Arizona, si sente protagonista e vittima di una misteriosa fascinazione. E' Marte, il dio della guerra, che lo chiama a sé, dopo aver sempre esercitato su di lui un fascino magnetico, irresistibile. Dopo un istante di freddo atroce e di totale oscurità, John si ritrova nelle lande di un paesaggio strano e fantastico. Il pianeta Marte lo ha rapito.
(La presentazione di Guido Gerosa prosegue per altre 4 pagine di libro...)