Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
bibliotecario Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Mr.Chicago Vedi il profilo utente 
Visitatore Visitatori(51)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Opere di Edgar Rice Burroughs - Giunti Bemporad Marzocco

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:9573
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N.:   1 (17)
La principessa di Marte
Edgar Rice BURROUGHS
     Traduzione: Giulio DE ANGELIS
 
Data:   24 Agosto 1973 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   A princess of Mars, 1912
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   108 x 180
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   256
 
 
  Ultima modifica scheda: trifide 13/12/2012-07:03:24
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
John Carter, gentiluomo della Virginia, ex-capitano nell'esercito confederato, affascinante aristocratico ritrovatosi senza un mestiere e con un pugno di svalutatissimi dollari sudisti alla fine della guerra di secessione, una sera, assorto nei suoi pensieri, alza gli occhi a guardare il cielo. E' uno di quei gesti tranquilli che schiudono una grande epopea, uno di quei movimenti emblematici che inaugurano le avventure di personaggi anche maggiori del nostro John: Faust, Alice, Peter Schlemil. Ma le conseguenze sono per John Carter di pari momento: nel contemplare il cielo dalle colline brulle dell'Arizona, si sente protagonista e vittima di una misteriosa fascinazione. E' Marte, il dio della guerra, che lo chiama a sé, dopo aver sempre esercitato su di lui un fascino magnetico, irresistibile. Dopo un istante di freddo atroce e di totale oscurità, John si ritrova nelle lande di un paesaggio strano e fantastico. Il pianeta Marte lo ha rapito.
(La presentazione di Guido Gerosa prosegue per altre 4 pagine di libro...)