Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
bibliotecario Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
waferdi Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
maxpullo Vedi il profilo utente 
Mr.Chicago Vedi il profilo utente 
Visitatore Visitatori(45)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:911
 
Piace a 5 utenti
Non piace a 3 utenti
Media: 6.00
 
N.:   903
Terremoto di grado XIII
Leonard DAVENTRY
     Traduzione: Marco PAGGI e Dida PAGGI
     Copertina: Karel THOLE
 
Data:   18 Ottobre 1981 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Degree XII, 1972
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   168
 
 
  Ultima modifica scheda: victory 10/02/2014-20:27:37
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
La scala dei terremoti ideata dall'italiano Giuseppe Mercalli (1850-1914) prevede dieci gradi di intensitĆ . La piĆ¹ moderna e scientifica tabella delle magnitudo ne prevede dodici, di cui ecco gli ultimi due:
XI - Crollo degli edifici in cemento armato e delle opere civili; larghe fessure nelle strade e nel terreno; scorrimento degli strati superficiali del suolo.
XII - Distruzione totale delle opere civili, abbattimento delle scarpate ferroviarie e delle dighe; edifici rasi al suolo o inghiottiti nei crepacci; deviazione dei corsi fluviali, maremoti e fuoriuscita delle acque dai laghi. Oltre una determinata accelerazione delle onde sismiche, eruzioni vulcaniche e profonda alterazione della topografia delle zone colpite.
Bene. Proviamo adesso a immaginarci dei sempre possibili terremoti di... grado XIII.