Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
robdimo Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Algernon Algernon 
Fantobelix Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Mr.Chicago Vedi il profilo utente 
Visitatore Visitatori(50)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:906
 
Piace a 7 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 6.50
 
N.:   898
Chi erano gli Dei dell'Uomo
Zach HUGHES (ps. di Hugh ZACHARY)
     Traduzione: Marco PAGGI e Dida PAGGI
     Copertina: Karel THOLE
 
Data:   9 Agosto 1981 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Killbird, 1980
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   168
 
 
  Ultima modifica scheda: victory 09/02/2014-11:20:09
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Urania non ha nessuna simpatia per la pseudo fs e la pseudo fantasy a base di pseudo leggende nordiche popolate di draghi e di vichinghi. Perci├▓ il lettore non si preoccupi minimamente se nelle prime pagine di questo romanzo il protagonista parte a caccia di un drago. Si tratta di uno pseudo drago, come ├Ę facile capire subito. Il pi├╣ difficile ├Ę capire che cosa sia precisamente, da dove venga, e soprattutto che cosa facciano da quelle parti lui e gli uccelli-della-morte. Ma quanto a questo, fidiamoci di Zach Hughes: chi ha letto Il campo degli UFO (Urania 705) o Il morbo di San Francesco (Urania 741) sa che Hughes non abbandona mai il terreno della pi├╣ solida e concreta fantascienza.