Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Algernon Algernon 
Visitatore Visitatori(24)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:868
 
Piace a 1 utente
Non piace a 1 utente
Media: 6.50
 
N. Volume:   860
Titolo:   La fabbrica di Frankenstein
Autore:   Edward D. HOCH (ps. di Edward Dentinger HOCH)
   Traduzione: Vittorio CURTONI
   Copertina: Karel THOLE
 
Data Pubbl.:   2 Novembre 1980 ISBN:    non presente
Titolo Orig.:   The Frankenstein Factory, 1975
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  N. pagine:   168
 
 
  Ultima modifica scheda: Lucky 12/09/2018-17:41:18
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
La crio-genetica non è un sogno fantascientifico. Nel 1967, a Phoenix, in Arizona, fu per la prima volta ibernato un malato incurabile che aspetta tuttora il giorno in cui il cancro sarà debellato e gli scienziati potranno estrarlo dal suo congelatore. L'istituto del dottor Hobbes è appunto questo: una banca di semi-morti, un magazzino di risuscitandi. E il giorno del primo grande esperimento di rianimazione è venuto. Ma perché avviene quasi in segreto, in una piccola isola al largo della California? Chi sono gli specialisti incaricati dell'operazione? Chi è l'uomo prescelto per il miracolo? Earl Jazine, il detective dello speciale Ufficio Federale che i nostri lettori già conoscono (Urania 652 e 666), la ritiene un'indagine di ordinaria amministrazione. Ma ben presto deve constatare che quest'Isola del futuribile rassomiglia sinistramente alla vecchia isola di Agatha Christie e dei suoi Dieci Piccoli Indiani.