Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Glystra Vedi il profilo utente 
wawawa wawawa 
Fantobelix Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Visitatore Visitatori(46)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:838
 
Piace a 4 utenti
Non piace a 3 utenti
Media: 5.75
 
N.:   830
La terra che ho lasciato dietro di me
William WALLING
     Traduzione: Beata DELLA FRATTINA
     Copertina: Karel THOLE
 
Data:   6 Aprile 1980 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   The World I Left Behind Me, 1979
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   184
 
 
  Ultima modifica scheda: victory 07/02/2014-20:32:19
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Perch√© sprecare nell'esplorazione spaziale miliardi che potrebbero essere utilmente impiegati nella costruzione di scuole e ospedali o per alleviare le sofferenze del Terzo Mondo? Dal giorno in cui √® stato lanciato il primo Sputnik questa lagna non ha avuto un momento di sosta e ora la si sente riprendere anche a proposito di ci√≤ che gli autori di fantascienza dovrebbero o non dovrebbero scrivere: perch√© interessarsi di lontane stelle e pianeti, invece di approfondire sempre di pi√Ļ la conoscenza del cuore umano? Ma il cuore umano √® ed √® sempre stato se cos√¨ si pu√≤ dire avido di mettere piede su stelle e pianeti lontani! Per cui, come la mettiamo ? Senza contare che queste continue lagne suscitano e accrescono inevitabilmente nel lettore, come nel protagonista di questo romanzo e nei suoi avventurosi compagni di spedizione, la voglia di lasciare la Terra molto lontano dietro di s√©.