Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
zecca_2000 zecca_2000 
adso adso 
Visitatore Visitatori(72)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:838
 
Piace a 4 utenti
Non piace a 3 utenti
Media: 5.75
 
N.:   830
La terra che ho lasciato dietro di me
William WALLING
     Traduzione: Beata DELLA FRATTINA
     Copertina: Karel THOLE
 
Data:   6 Aprile 1980 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   The World I Left Behind Me, 1979
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   184
 
 
  Ultima modifica scheda: victory 07/02/2014-20:32:19
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Perch√© sprecare nell'esplorazione spaziale miliardi che potrebbero essere utilmente impiegati nella costruzione di scuole e ospedali o per alleviare le sofferenze del Terzo Mondo? Dal giorno in cui √® stato lanciato il primo Sputnik questa lagna non ha avuto un momento di sosta e ora la si sente riprendere anche a proposito di ci√≤ che gli autori di fantascienza dovrebbero o non dovrebbero scrivere: perch√© interessarsi di lontane stelle e pianeti, invece di approfondire sempre di pi√Ļ la conoscenza del cuore umano? Ma il cuore umano √® ed √® sempre stato se cos√¨ si pu√≤ dire avido di mettere piede su stelle e pianeti lontani! Per cui, come la mettiamo ? Senza contare che queste continue lagne suscitano e accrescono inevitabilmente nel lettore, come nel protagonista di questo romanzo e nei suoi avventurosi compagni di spedizione, la voglia di lasciare la Terra molto lontano dietro di s√©.