Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
trifide Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
erberto erberto Amico di Urania Mania
Thx 1138 Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Visitatore Visitatori(39)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:833
 
Piace a 3 utenti
Non piace a 3 utenti
Media: 5.67
 
N. Volume:   825
Titolo:   Supernormale
Autore:   J. Hunter HOLLY (ps. di Joan Carol HOLLY)
   Traduzione: Mario GALLI
   Copertina: Karel THOLE
 
Data Pubbl.:   2 Marzo 1980 ISBN:    non presente
Titolo Orig.:   The Dark Enemy, 1965
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  N. pagine:   168
 
RISTAMPA del numero: 411
 
  Ultima modifica scheda: bibliotecario 02/10/2018-13:21:38
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Fino a dieci o quindici anni fa il termine parapsicologia aveva ancora un significato peggiorativo e le relative ricerche erano considerate con riprovazione nella maggior parte delle università americane. Questo spiega perché il prof. Tyler, nel 1965, dovesse condurre in segreto la sua inchiesta sull'esistenza o meno di individui dotati di facoltà paranormali. L'inchiesta di Tyler sembrava del resto avviata a un completo fallimento: su decine di migliaia di individui esaminati, non s'era ancora trovata l'ombra di un telepatico e tantomeno di un telecinetico... Finché, di colpo, una presenza si manifesta. E sebbene ancora non sappiamo il paranormale chi sia, già ci rendiamo conto che il problema non sarà soltanto di trovarlo, ma anche e soprattutto di fermarlo in tempo.