Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
raffa raffa 
Visitatore Visitatori(49)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:825
 
Piace a 1 utente
Non piace a 2 utenti
Media: 4.00
 
N.:   817
Nemici nell'infinito
E. C. TUBB (ps. di Edwin Charles TUBB)
     Copertina: Karel THOLE
 
Data:   6 Gennaio 1980 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Alien Universe, 1952
Note:   Pubblicato a puntate su Urania 189-205
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   152
 
 
  Ultima modifica scheda: Lucky 12/09/2018-14:39:25
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Ma insomma che cos'è quest'iperspazio? È una semplice convenzione scientifica? È una parola come un'altra per spiegare ai profani il funzionamento di quei motori che annullano le distanze cosmiche portandoci in un balzo da un capo all'altro dell'universo? O è un luogo che esiste davvero, una zona per noi inconcepibile ma dove tuttavia succedono delle cose e dove magari c'è qualcuno? Il capitano Caleb non s'interessa alla questione teorica, ciò che gli preme è di condurre in porto il suo astrocargo. Il pilota Wilner, ogni volta che il cargo comincia a vibrare preparandosi al balzo, si sente i nervi a fior di pelle e non è molto capace di connettere. Quanto poi al prof. Armitage, le sue storie saranno forse plausibili, ma non spiegano il fenomeno di quelle astronavi che dopo il balzo iperspaziale scompaiono senza più dare notizia di sé. Che fare?, si chiede dunque il lettore. Il nostro consiglio è di lasciar fare a E. C. Tubb, uno di quei pionieri della FS che l'iperspazio lo conoscono come il palmo della propria mano.