Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
bibliotecario Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
miky1 miky1 Amico di Urania Mania
stalker1 stalker1 
and and 
Visitatore Visitatori(53)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Fantascienza - La Riflessione. Davide Zedda

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:81347
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
New Dimension
Vito DI COSIMO
 
Data:   Novembre 2010 ISBN:    9788862115582
Tit.Orig.:  
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   145 x 210
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   206
 
 
  Ultima modifica scheda: Fantobelix 05/08/2017-09:05:36
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Correva l'anno astrale 2310. Avevo appena finito di scrivere il mio libro olografico. Ormai le Frontiere erano state tutte debellate. I popoli dell'universo conosciuto avevano ripreso possesso dei loro mondi di appartenenza, tutto questo sotto la supervisione del popolo di Atlantes. I Serkoniani che non aderirono al nuovo regime, furono internati nel sistema planetario di Kyron, ultimo baluardo di Frontiera al confine della galassia conosciuta, stretti nella morsa dei soldati della nuova federazione astrale: "New World" in sigla N.W. (nuovo mondo). Erano passati appena sette anni interstellari dall'operazione "Debellare il cancro" e ancora gli strascichi della guerra si facevano sentire sulla Terra. Il popolo terrestre non si era ancora abituato al nuovo regime totalmente liberale. Sebbene fosse più libero, l'individuo umano faceva fatica ad abituarsi ad una vita libera e normale, priva di oppressioni e di schiavitù. Anche le strutture vecchie dei Serkoniani facevano fatica ad essere distrutte per far spazio ad altre più consone a questo pianeta. La Terra andava totalmente ricostruita, le città andavano riedificate e data loro una dignità più umana, a cominciare dal nome: Serkon one riprese il nome di New York two, Serkon two riprese il nome di Chicago one e via via tutte le città della Terra. Tutto questo accadeva nella mia dimensione, ossia di Otiv Brent e dei miei due amici K1 e Tolomeo11.