Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
capitanklutz capitanklutz 
Visitatore Visitatori(40)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

IperFiction - Interno Giallo|Interno Giallo/Mondadori|Mondadori - Interno Giallo/Mondadori

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:7801
 
Piace a 2 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 7.25
 
Titolo:   Il grande fiume del cielo
Autore:   Gregory BENFORD
   Traduzione: Marco POLILLO
   Copertina: Marco PATRITO
 
Data Pubbl.:   Aprile 1994 ISBN:    9788804383925
Titolo Orig.:   Great Sky River [1987]
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:  
Tipologia:   Principali Dimensioni:   162 x 233
Contenuto:   Romanzo  N. pagine:   338
 
 
  Ultima modifica scheda: Vecchio47 10/12/2018-17:17:32
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Uomini e Mech, organismi meccanici privi di sentimenti e animati dal solo desiderio di uccidere gli uomini, vivono in migliaia di mondi presenti sulla Via Lattea che, come un immenso fiume, si muove nell’infinito. Ma adesso la lotta fra la vita organica e quella artificiale ha raggiunto la massima ferocia. Sotto la guida di Mantis, una creatura inorganica, i Mech stanno estendendo il loro potere su tutte le stelle, modificandone il clima per renderlo sempre più ostile agli uomini. E, per la prima volta, gli uomini da cacciatori sono diventati prede. Le forze sono poche e sparse: l’unico modo per trovare la salvezza è cercare di fare breccia nella contorta “visione del mondo” che alimenta il cervello artificiale dei Mech... Un’avventura straordinaria, scritta in puro linguaggio fantascientifico, dal maestro della hard science fiction.