Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
io.robot Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Algernon Algernon 
zecca_2000 zecca_2000 
Keles Keles 
Visitatore Visitatori(45)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

IperFiction - Interno Giallo|Interno Giallo/Mondadori|Mondadori - Interno Giallo/Mondadori

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:7788
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 2 utenti
Media: 4.25
 
La notte che bruciammo Chrome
William GIBSON
     Traduzione: Delio ZINONI
     Copertina: Corrado PARRINI
 
Data:   Settembre 1993 ISBN:    9788804377610
Tit.Orig.:   Burning Chrome [1986]
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Cartonato con sovracoperta
Tipologia:   Principali Dimensioni:   162 x 233
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:   240
 
 
  Ultima modifica scheda: Vecchio47 10/12/2018-17:06:53
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Hacker, cowboy della consolle, SIMSTIM, Wetware, hardwired, Zai batsu, wiz: sono solo alcune delle nuove espressioni entrate a far parte del mondo della fantascienza. Nel quale sono entrati di prepotenza anche personaggi nuovi come ladri, drogati, nevrotici, truffatori, contrabbandieri di organi oltre che di tutto quanto pu√≤ essere venduto. Un nuovo mondo √® stato svelato ai lettori: l'immediato futuro. Una societ√† in cui assassine professioniste con protesi incorporate, tecnocrati e yakuza sono al servizio delle multinazionali, tutti alla ricerca di un'affermazione personale, costi quel che costi. Un mondo degradato e immiserito, in cui la nuova cultura dei computer e delle realt√† virtuali sostituisce tutti i valori, dove non sembra pi√Ļ esserci spazio per concetti come amore, lealt√†, benessere, amicizia.