Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
nollicus Vedi il profilo utente 
miky1 miky1 Amico di Urania Mania
massimo massimo 
Visitatore Visitatori(49)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania Classici Cofanetti - Mondadori

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:77036
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N.:   1
Universo - Regola per sopravvivere - I guardiani del tempo - Progetto Quatermass
Robert Anson HEINLEIN, Richard MATHESON, Poul ANDERSON e Nigel KNEALE
 
Data:   1980 ISBN:    00214544
Tit.Orig.:  
Note:   Raccolta dei numeri 1-2-3-4 riprezzati
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura con cofanetto
Tipologia:   Principali Dimensioni:   112 x 187
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:  
 
 
  Ultima modifica scheda: Lucky 20/03/2018-15:06:29
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Universo
Scale, botole, oscuri passaggi, corridoi fiocamente illuminati che si allungano per chilometri, porte chiuse su locali segreti, altre porte che s'aprono
su uffici e stanze d'abitazione, improvvisi spiazzi con illuminazione più intensa dove s'incrociano correnti di traffico pedonale. Ma soprattutto scale
e corridoi, corridoi e scale, su centinaia di piani sovrapposti e senza che mai una porta, una finestra, un'apertura qualsiasi permetta di guardare
"fuori"... Ma esiste un "fuori" per chi e nato e cresciuto in questo labirintico e sbarrato Universo, di cui nessuno conosce le origini ne lo scopo? Chi
cerca di spingersi verso gli estremi piani superiori o inferiori, traversa dapprima vaste zone abbandonate, silenziose, deserte; poi e improvvisamente
aggredito e ricacciato, o divorato, da esseri mostruosi... La prima parte di questo libro usci a puntate su Urania nel 1954 col titolo "Alla deriva
nell'infinito", e fu un avvenimento memorabile nella storia del.la fantascienza. II romanzo completo fu poi pubblicato nel 1965, e non a caso, ma di
pieno diritto, apre oggi questa serie di Classici: come una delle più affascinanti, vertiginose e poetiche saghe spaziali che siano mai state scritte.

Regola per sopravvivere
A cominciare dal 1950, quando la sua firma comparve per la prima volta sul "Magazine of Fantasy and SF", l'attività di Matheson come autore
fantascientifico è durata poco più di un decennio. In questi dieci anni Matheson ha arricchito la SF americana, oltre che di romanzi (lo sono Helen
Driscoll, Urania 206; Tre millimetri al giorno, Urania 277) di una quarantina di racconti , che sono tra i più perfetti, entusiasmanti, memorabili del
genere. Ma forse perchè ha badato soltanto a raccontare, senza pontificare in congressi e adulare il pubblico, incensare i critici, glorificare a ogni
passo i meriti della fantascienza - nessuno gli ha detto grazie. Risultato, ha smesso di scrivere in proprio e s'è messo a lavorare per il cinema. Ma
non tutti i mali vengono per nuocere: chi ha visto "Duel", forse il più straordinario film americano di questi ultimi anni, avrà forse notato che
soggetto, dialoghi, sceneggiatura, sono di Richard Matheson.

I guardiani del tempo
Inventata da H.G. Wells nel 1895, la macchina del tempo e uno dei più suggestivi e più diffusi mezzi di locomozione della fantascienza. Non c'e
scrittore che non l'abbia sperimentata almeno una volta, non c'e lettore che sia rimasto insensibile al miraggio di percorrere avanti e indietro la
Storia per vedere come andarono o come andranno veramente le cose. Su questo tema affascinante la "variazione" di Poul Anderson è una delle piu
riuscite. Il suo viaggiatore, Manse Everard, agente di una specialissima cronopolizia, tiene sotto controllo il Tempo che è di continuo minacciato da
criminali, avventurieri, affaristi, mestatori politici, ormai in grado, sulle loro macchine personali, di modificare il passato a loro vantaggio. Ecco
un complotto per far trionfare i Cartaginesi sui Romani; ecco i Mongoli che, contro ogni logica, scoprono I'America; ecco una abusiva sostituzione di
Ciro il Grande che può provocare immani ripercussioni nei secoli a venire. Everard e i suoi colleghi cronodetectives cavalcano i millenni a raddrizzare,
eliminare, riequilibrare, correggere, distruggere dovunque sia necessario, a salvaguardia del mondo com'è stato e come sarà, in una vorticosa girandola
di paradossi, sorprese, colpi di mano e di scena, che non lascia certamente il tempo che trova.

Progetto Quatermass
Inquadratura di un'auto ferma con i fari accesi in una buia strada di campagna... Alla luce dei fari, primo piano di un cartello indicatore spezzato, ma
dove ancora si legge il nome della località: Winnerden Fl... Sul fondo, dietro alti reticolati, vaghe sagome di serbatoi e nere tubature... E' questo lo
stile descrittivo di Progetto Quatermass e il lettore non se ne meraviglierà. Le sceneggiature cinematografiche sono ormai diventate un genere
letterario alla moda, e non c'è regista rispettabile che non pubblichi le sue, leggibili o meno che siano. Ma la fantascienza non ha aspettato questa
moda per fornirci i testi dei suoi più memorabili film e perfino di quella sensazionale, classica riduzione della Guerra dei Mondi che Orson Welles
diresse alla radio nel 1938. Non meno classici e non meno sensazionali sono i testi della serie Quatermass di Nigel Kneale, trasmessi dalla BBC verso la
fine degli anni '50 e poi passati dalla TV al grande schermo. Eccone dunque il più celebre per la prima volta in volume dopo la sua pubblicazione a
puntate su Urania nel 1962.