Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
miky1 miky1 Amico di Urania Mania
capitanklutz capitanklutz 
zecca_2000 zecca_2000 
Shuluq Shuluq 
Visitatore Visitatori(62)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:751
 
Piace a 7 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 6.80
 
N.:   743
L'uomo che veniva dal futuro
Wilson TUCKER
     Traduzione: Beata DELLA FRATTINA
     Copertina: Karel THOLE
 
Data:   26 Febbraio 1978 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Time Bomb, 1955
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   128
 
RISTAMPA del numero: 138
 
  Ultima modifica scheda: victory 05/02/2014-21:25:19
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Una serie di misteriose esplosioni fa strage tra i Figli d'America, un movimento di fanatici ormai vicino a prendere il potere negli Stati Uniti. Conduce le indagini il tenente Danforth, con la sua Squadra Speciale munita di tel├Ępati e di cronocamere, apparecchi ancora sperimentali che permettono di filmare avvenimenti accaduti fino a venti minuti prima. E appunto una cronocamera scopre che le esplosioni sono in realt├á ┬źimplosioni┬╗, cio├Ę scoppi all'indentro. Ma non saranno allora - si chiede Danforth - ordigni che funzionano in senso contrario al flusso normale del tempo? E' concepibile che gl'imprendibili terroristi agiscano dal futuro? E quando perde il posto (un capro espiatorio ci vuole sempre) continua l'inchiesta da solo, seguendo tracce sempre pi├╣ chiare. Tanto chiare, anzi, da far pensare che siano state lasciate apposta da qualcuno che lo conosce bene: qualcuno che lui stesso conosce anche meglio.