Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Thx 1138 Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Mr.Chicago Vedi il profilo utente 
Visitatore Visitatori(16)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:751
 
Piace a 7 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 6.80
 
N. Volume:   743
Titolo:   L'uomo che veniva dal futuro
Autore:   Wilson TUCKER
   Traduzione: Beata DELLA FRATTINA
   Copertina: Karel THOLE
 
Data Pubbl.:   26 Febbraio 1978 ISBN:    non presente
Titolo Orig.:   Time Bomb, 1955
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  N. pagine:   128
 
RISTAMPA del numero: 138
 
  Ultima modifica scheda: victory 05/02/2014-21:25:19
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Una serie di misteriose esplosioni fa strage tra i Figli d'America, un movimento di fanatici ormai vicino a prendere il potere negli Stati Uniti. Conduce le indagini il tenente Danforth, con la sua Squadra Speciale munita di tel├Ępati e di cronocamere, apparecchi ancora sperimentali che permettono di filmare avvenimenti accaduti fino a venti minuti prima. E appunto una cronocamera scopre che le esplosioni sono in realt├á ┬źimplosioni┬╗, cio├Ę scoppi all'indentro. Ma non saranno allora - si chiede Danforth - ordigni che funzionano in senso contrario al flusso normale del tempo? E' concepibile che gl'imprendibili terroristi agiscano dal futuro? E quando perde il posto (un capro espiatorio ci vuole sempre) continua l'inchiesta da solo, seguendo tracce sempre pi├╣ chiare. Tanto chiare, anzi, da far pensare che siano state lasciate apposta da qualcuno che lo conosce bene: qualcuno che lui stesso conosce anche meglio.