Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
bibliotecario Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
zecca_2000 zecca_2000 
Visitatore Visitatori(52)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:721
 
Piace a 5 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 7.17
 
N.:   713
Uomini macchine e guai
Ron GOULART
     Traduzione: Angela CAMPANA
     Copertina: Karel THOLE
 
Data:   2 Gennaio 1977 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Nutzenbolts and More Troubles with Machines, 1975
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:   160
 
 
  Ultima modifica scheda: victory 05/02/2014-21:04:56
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Ron Goulart, uno dei più spiritosi e pungenti scrittori americani dell'ultima leva, a una satirica predilezione per macchine, congegni, robot e loro derivati e affini. I suoi racconti parlano di un'America non lontana, dove gli uomini sono più o meno quelli di oggi, con abitudini, passioni, difetti e comportamenti nei quali possiamo agevolmente riconoscere i nostri. Ma il fatto e che devono fare i conti con macchine che oggi (ancora) non esistono, soprattutto con un antico e sempre affascinante personaggio fantascientifico: l'androide, l'uomo semiartificiale, l'ibrido parlante e ragionante che crea problemi più di quanti non ne risolva. Sono problemi d'ordine amoroso, finanziario, coniugale, poliziesco, in mezzo ai quali le povere creature di carne e ossa si muovono smarrite e allarmate, coscienti di non dominare più la situazione, di aver perso il controllo della società, del mondo, della stessa vita. Che è esattamente ciò che ciascuno di noi prova sempre più spesso, anche senza androidi. A meno che questi invasori sintetici, queste belle imitazioni di uomini e donne, non siano già, chissà da quanto tempo, in mezzo a noi.