Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
maxpullo Vedi il profilo utente 
wawawa wawawa 
Visitatore Visitatori(43)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:696
 
Piace a 6 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 6.88
 
N.:   688
Terra imperiale
Arthur C. CLARKE (ps. di Arthur Charles CLARKE)
     Traduzione: Beata DELLA FRATTINA
     Copertina: Karel THOLE
 
Data:   18 Gennaio 1976 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Imperial Earth, 1975
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   208
 
 
  Ultima modifica scheda: Lucky 10/09/2018-15:44:21
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Ci sono mille modi di fare la fantascienza, ma a uno solo di essi la fantascienza deve la sua fortuna, la sua fama, la sua stessa esistenza. È il modo che combina l'avventura con l'accurata informazione scientifica, lo stupore di fronte alla grandiosa verità della natura con la verosimiglianza dell'invenzione romanzesca. Da questi elementi-base la fantascienza è nata, e continua a vivere in scrittori come Arthur C. Clarke, giustamente considerati classici. Qui, nel suo ultimo romanzo, Clarke si mostra anche più generoso del solito, e alla missione del titanico Duncan Makenzie sul pianeta imperiale che è diventata la Terra, vediamo magistralmente intrecciarsi geniali anticipazioni tecnologiche, complotti diplomatici, enigmi minerali, sorprese genetiche, le rutilanti e plausibili visioni di quello che sarà, che potrà essere, il nostro futuro.