Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
ciccio ciccio 
docmilito docmilito 
Visitatore Visitatori(64)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:680
 
Piace a 5 utenti
Non piace a 2 utenti
Media: 5.88
 
N.:   672
Sabba spaziale
J. T. McINTOSH (ps. di James Murdoch MacGREGOR)
     Traduzione: Maria Benedetta DE CASTIGLIONE
     Copertina: Karel THOLE
 
Data:   8 Giugno 1975 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   The Suiciders, 1973
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   168
 
 
  Ultima modifica scheda: Lucky 28/08/2018-12:48:50
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Sei creature, sei esseri (pi├╣ che umani? meno che umani?) di et├á, sesso e poteri diversi riuniscono le loro forze, concentrano le loro menti, per una grandiosa operazione di conquista. E in un angolo della galassia da poco colonizzato subito si verificano fatti agghiaccianti, inspiegabili. I pionieri, i militari, gli amministratori, gli scienziati sospettano la presenza di fattori soprannaturali, ma non sono preparati a individuarli e combatterli. La loro ultima speranza ├Ę Rey Cottrell, un consulente bellico, il cui mestiere consiste nel valutare con freddezza i termini di una crisi e buttarsi poi anima e corpo dalla parte di chi, a suo parere, deve vincere. Una specie di arbitro-avventuriero, di funzionario-mercenario capacissimo di decidere che la parte perdente pu├▓ essere quella stessa che l'ha chiamato.