Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
zecca_2000 zecca_2000 
micmakes micmakes 
Visitatore Visitatori(64)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:669
 
Piace a 1 utente
Non piace a 0 utenti
Media: 6.50
 
N.:   661
Primo agente galattico
John T. PHILLIFENT (ps. di John RACKHAM)
     Traduzione: Maria Benedetta DE CASTIGLIONE
     Copertina: Karel THOLE
 
Data:   5 Gennaio 1975 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Life With Lancelot, 1973
Note:   Il racconto di Jack Sharkey in appendice è erroneamente riportato nel sommario come
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:   144
 
 
  Ultima modifica scheda: victory 05/02/2014-11:49:16
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
I mostri e i draghi della narrativa cavalleresca ritornano nell'attuale science-fiction... osservĂ² un grande critico italiano nella sua introduzione alla prima grande antologia italiana di FS. Ma dopo aver sottilmente messo in luce molte altre sorprendenti analogie tra la FS e il romanzo cavalleresco, dovette constatare che manca quasi totalmente nei cicli fantascientifici l'elemento dell'Eros, intorno a cui si accentravano gli ideali della cavalleria. A quindici anni di distanza, I'inglese Phillifent e il suo eroe Lancelot Lake, agente speciale della Galactopol (Polizia Galattica), confermano in pieno il ritorno dei draghi, ma smentiscono, non meno in pieno, la mancanza dell'elemento dell'Eros.