Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(50)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

|Fuori Collana Libri Fantascienza| - Scrittori Nuovi Italiani e Stranieri

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:66099
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
La casa del genere umano
Mario VISCARDINI
Edit.:   Scrittori Nuovi Italiani e Stranieri
 
Data:   2 Gennaio 1931 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:  
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:  
Tipologia:   Principali Dimensioni:  
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:  
 
 
  Ultima modifica scheda: erberto 29/06/2008-21:01:50
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Nel giovane Ardo, trentenne, uscito da una sottaciuta carriera con un bagaglio schiacciante di delusioni, l'incontro fortuito con il Medico dell'anima, determina un profondo rivolgimento di fortuna, non meno che di pensieri.
La sua disperazione si converte in ardore fecondo e genera, attraverso drammatiche vicende, il sorgere di una cittĂ  idealmente perfetta: La casa del genere umano.  Ardo e i discepoli del Maestro si accingono a prosperarvi, accresciuti da una folla di eletti lavoratori, che vi accorre e vi opera in fraterna comunitĂ  di intenti.
Ma la cittĂ  deve fare i conti con la paviditĂ  di governanti messi in allarme e con l'inimicizia di qualche privato.
Sconfitti, gli abitatori della Casa del Genere Umano solidali col Capo (Ardo) abbandonano la cittĂ , dopo averla distrutta; e se ne vanno per lunghi anni errabondi sul mare in cerca di una nuova terra che li ospiti.
Trovano infine possibile sbarco nella rada di Chihuaneco staterello americano, governato da un uomo, Valentin Bueltacara, genialmente sovvertitore di ogni idea di progresso; e proprio da lui, paradossale contraddizione, ottengono il dono di un isola, dove far sorgere la nuova colonia.