Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(49)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Survival 2000 - Peruzzo

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:6220
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N.:   3
Caccia tragica
James AXLER
     Traduzione: Carlo Maria MARINONI
     Copertina: BACCHIN
 
Data:   Luglio 1989 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Homeward Bound, 1988
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   106 x 176
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   256
 
 
  Ultima modifica scheda: Stilgar 21/05/2012-17:11:04
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
In un gelido mattino dell'anno 2001, una raffica di esplosioni atomiche scuote la Terra, cambiandone volto e forma per sempre. Dalle rovine della devastazione emergono le Terre Morte, un mondo apocalittico in cui solo i più forti resistono. Nel cuore sconvolto della nuova America, tre guerrieri della notte - il duro, audace Ryan Cawdor; la bellissima, enigmatica Krysty Wroth; il cinico, razionale J.B. Dix - e i loro compagni d'avventura lottano e combattono senza tregua per sopravvivere alla drammatica realtà dell'inferno post-nucleare.

L'odissea di Ryan Cawdor attraverso l'America sconvolta dall'olocausto nucleare sembra avere termine: il temerario guerriero sta per tornare a casa, vicino a quella che un tempo era la tentacolare New York, per vendicare l'assassinio del padre e del fratello maggiore. Accompagnato dagli inseparabili J.B. Dix e Kyrsty Wroth, Ryan ha un'ulteriore conferma di quanto drammatica sia la realtà dell'America postnucleare, un paese dove onore e lealtà sono sentimenti che non hanno più diritto di cittadinanza.