Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(54)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:612
 
Piace a 3 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 7.17
 
N.:   604
Giardiniere di uomini
Robert SHECKLEY
     Traduzione: Hilja BRINIS
     Copertina: Karel THOLE
 
Data:   29 Ottobre 1972 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Can You Feel Anything When I Do This?, and Other Stories, 1971
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:   168
 
 
  Ultima modifica scheda: victory 03/02/2014-16:20:17
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Robert Sheckley e uno dei rarissimi (oggi più che mai) scrittori con i quali il lettore stabilisce, istintivamente, un rapporto personale, si potrebbe dire di amicizia. Ogni suo nuovo libro è come una visita. Ah, eccolo qui, si pensa prendendolo in mano, chissà cosa mi racconterà stavolta. Il cappello di Sheckley è inesauribile, la sua tecnica così perfezionata che gli permette di toccare qualsiasi tasto, far vibrare qualsiasi corda, con una frase, con una sola parola. In questa sua ultima antologia, si va dall'atroce patetismo del primo racconto, al pirandellismo di "Il padrone, il cameriere e il cliente''; dall'umorismo un po' ribaldo di "Raddoppio" a quello psicologico di "Cipolle e carote"; dal semplicissimo, piattissimo e sferzante "Aspetti di Langranak", alla infinita complicazione delle "Differenze immaginarie". Un virtuosismo prodigioso al servizio di un grande favolista.