Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Kolok Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
wawawa wawawa Amico di Urania Mania
Pio III Pio III 
andypigro andypigro 
Visitatore Visitatori(14)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:610
 
Piace a 6 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 6.88
 
N.:   602
Quando due mondi si incontrano
Robert M. WILLAMS (ps. di Robert Moore WILLIAMS) e Jack VANCE
     Traduzione: Maria Benedetta DE CASTIGLIONE e Renato GARI
     Copertina: Karel THOLE
 
Data:   1 Ottobre 1972 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:  
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:   156
 
 
  Ultima modifica scheda: bibliotecario 14/10/2018-10:18:56
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
In un saggio famoso, Kingsiey Amis ha paragonato certe storie di fantascienza spaziale a dei .. western "in cui l'eroico sceriffo e gli altri buoni sono terrestri mentre i cattivi, sono umanoidi con la pelle verde (ed eventualmente sei dita) e gli indiani delle varie trib├╣ sono rappresentati da varie specie di Mostri con Occhi d'insetto; la sola altra differenza ├Ę che, invece della Colt e del Winchester, tutti usano il Disintegratore." Ma questo aggiunge Amis - non significa che i Mostri e gli Uomini Verdi debbano essere rigorosamente banditi dalla FS. L'importante ├Ę che i Verdi, i Rossi, o i Bianchi, o i Neri non siano tutti cattivi (o tutti buoni), e che i Mostri non si riducano semplicemente a un orang-utan surrealista che fugge nelle paludi di Venere, con l'eroina fra i tentacolo.