Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Sentinel Vedi il profilo utente 
Visitatore Visitatori(44)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:598
 
Piace a 7 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 6.50
 
N. Volume:   590
Titolo:   Loro i terrestri
Autore:   Poul ANDERSON
   Traduzione: Andreina NEGRETTI
   Copertina: Karel THOLE
 
Data Pubbl.:   16 Aprile 1972 ISBN:    non presente
Titolo Orig.:   Twilight World, 1961
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  N. pagine:   168
 
RISTAMPA del numero: 279
 
  Ultima modifica scheda: victory 31/01/2014-23:09:18
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Urania non ha mai preteso di essere una rivista di anticipazioni infallibili, da consultarsi come una rubrica astrologica. Ma è un fatto che certi temi, di cui dieci o quindici anni fa si parlava soltanto in queste pagine, sono oggi sulla bocca di tutti, ministri e cardinali, studenti e padri di famiglia. È il caso di ciò che accadrà alla specie umana dopo la catastrofe ormai ritenuta da molti vicina e inevitabile (nucleare, ecologica o tecnologica, o tutte e tre insieme). Questo romanzo di Anderson, uno dei suoi più belli e toccanti, la dà per avvenuta, e getta sul tappeto di desolazione, caos e barbarie di un nuovo medioevo, i disperati problemi che i superstiti dovranno affrontare per riunire i fili della civiltà. Ma i viaggi del colonnello Drummond tra le rovine del mondo, la sua indagine tra i nuovi terrestri, non sono una storia di puro orrore. Al contrario, basterà capovolgere il punto di vista perche tutto appaia sotto una luce disumanamente, e tuttavia ottimisticamente, umana.