Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
marco.kapp Vedi il profilo utente 
Algernon Algernon 
zecca_2000 zecca_2000 
ciccio ciccio 
Visitatore Visitatori(36)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:591
 
Piace a 2 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 6.17
 
N.:   583
Direttiva primaria
Harris MOORE
     Traduzione: Beata DELLA FRATTINA
     Copertina: Karel THOLE
 
Data:   9 Gennaio 1972 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Slater's Planet, 1971
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   168
 
Ristampato nel numero: 965
 
  Ultima modifica scheda: victory 31/01/2014-23:04:30
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
«C'era, nella galassia, una nuova presenza, a molti anni-luce dal pianeta quasi al limite della capacità d'osservazione di Beta. L'ordine di Alfa venne, immediato: l'oggetto doveva essere attirato più vicino, messo sotto controllo. Beta non era in grado di eseguirlo. A distanze così enormi, anche i suoi enormi poteri si perdevano nel nulla. L'oggetto viaggiava nello spazio: poteva essere la via d'uscita di cui Alfa aveva disperatamente bisogno per obbedire alla Direttiva Primaria. Ma la sua rotta lo allontanava dal pianeta, ben presto sarebbe scomparso nelle tenebre dello spazio, l'occasione sarebbe andata persa per sempre. Allora il flusso di comunicazioni emesso dall'oggetto venne registrato, studiato, definito; un linguaggio venne imparato. Mancava il tempo per esaminare un'intera cultura, un'intera civiltà; ma il flusso di messaggi poteva essere imitato, rimandato verso l'oggetto. Così fu ordinato. Così fu fatto.»