Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
adso adso 
Visitatore Visitatori(62)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:583
 
Piace a 3 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 6.83
 
N.:   575
Le due facce del tempo
Robert SILVERBERG
     Traduzione: Mario GALLI
     Copertina: Karel THOLE
 
Data:   19 Settembre 1971 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Starman's Quest, 1959
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   144
 
RISTAMPA del numero: 273
 
  Ultima modifica scheda: victory 31/01/2014-22:58:37
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Pochi mesi su un'astronave che viaggia appena al disotto della velocità della luce equivalgono, sulla Terra, a parecchi anni. E gli astronauti che tornano, dopo tre, quattro, cinque anni, dalle stelle più vicine a noi, trovano il loro mondo invecchiato di secoli. È la cosiddetta contrazione di Fitzgerald, un ostacolo che sembra insormontabile e che crea tra gli uomini una segregazione più assoluta e crudele di quella razziale: da una parte i terricoli, ammucchiati nelle loro mostruose e sovraffollate città, dall'altra gli spaziali, chiusi nei loro ghetti ai margini degli astroporti. Tra gli uni e gli altri c'è soltanto invidia, risentimento, livore; e gli uni e gli altri si sentono prigionieri del proprio angusto, soffocante modo di vita. Ogni tanto capita che uno di loro passi dall'altra parte, tenti il grande salto verso le deserte profondità del cosmo o, al contrario, verso gli abissi formicolanti delle metropoli. Un semplice cambio di prigione?