Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Gianni di Firenze Gianni di Firenze 
Mr.Chicago Vedi il profilo utente 
Visitatore Visitatori(52)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Cosmo Biblioteca - Nord

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:57954
 
Piace a 5 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 7.25
 
N.:   16
I reietti dell'altro pianeta
Ursula K. LE GUIN (ps. di Ursula Kroeber LE GUIN)
     Traduzione: Riccardo VALLA
 
Data:   Settembre 2007 ISBN:    9788842915294
Tit.Orig.:   Dispossessed. An Ambiguous Utopia, 1974
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   125 x 195
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   352
 
 
  Ultima modifica scheda: bibliotecario 08/09/2018-12:10:31
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Due pianeti gemelli, Anarres e Urras. Il primo, quasi desertico, non ha mai favorito gli insediamenti umani finché non vi sono giunti i seguaci di Odo, in contrasto insanabile con la società del benessere che prospera su Urras. Da allora, gli Odoniani hanno creato una società di sopravvivenza, consona ai loro ideali: una "fratellanza" da cui sono esclusi i concetti di proprietà, di governo e di autorità. I contatti fra i due pianeti sono limitati e un muro chiude il porto franco in cui scendono le navi spaziali urrasiane, salvaguardando gli "anarchici", i nullatenenti di Anarres, dalle idee (non meno che dai microbi) di Urras... Nel ritratto di due opposti modi del vivere civile (una società opulenta e una fondamentalmente anarchica, sebbene percorsa da una rete di "precetti" e di "rituali") Ursula K. Le Guin mostra l'essenziale senso della Storia come "lavoro da fare" tra rischi e incertezze e porta la fantascienza all'altezza della grande letteratura.