Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Algernon Algernon 
Visitatore Visitatori(53)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:576
 
Piace a 3 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 7.33
 
N.:   568
Antologia personale
Isaac ASIMOV
     Traduzione: Hilja BRINIS (ps. di Hilia BRINIS)
     Copertina: Karel THOLE
 
Data:   13 Giugno 1971 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Nightfall and Other Stories, 1969
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:   168
 
 
  Ultima modifica scheda: victory 20/08/2012-09:06:09
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
A cominciare da questo numero, e in tre volumi, Urania offre ai suoi lettori la piĆ¹ importante e attesa delle antologie di fantascienza: quella che Isaac Asimov ha curato personalmente scegliendo i migliori dei suoi racconti, ordinandoli cronologicamente e premettendo a ciascuno una nota speciale. Eccone l'indice generale:

1 Notturno
2 Chiazze verdi
3 Ospite
4 E se...?
5 Cultura microbica
6 Condotto C
7 Per una buona causa
8 Mosche
9 Junior
10 Una cosƬ bella giornata
11 Crumiro
12 Inserire la base A  nell'incastro B
13 Stregone moderno
14 Playboy e il Dio limaccioso
15 La macchina che vinse la guerra
16 Mio figlio, il fisico
17 Occhi non soltanto per vedere
Il presente volume contiene i primi quattro racconti. I due volumi successivi saranno in edicola rispettivamente il 24 giugno e 1'8 luglio, ma crediamo che la tradizionale raccomandazione di non mancarli sia del tutto superflua.