Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
doge doge 
Mr.Chicago Vedi il profilo utente 
Visitatore Visitatori(20)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:567
 
Piace a 2 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 6.17
 
N. Volume:   559
Titolo:   L'immaginazione al potere
Autore:   Clifford D. SIMAK (ps. di Clifford Donald SIMAK)
   Traduzione: Beata DELLA FRATTINA
   Copertina: Karel THOLE
 
Data Pubbl.:   7 Febbraio 1971 ISBN:    non presente
Titolo Orig.:   Out of Their Minds, 1969
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  N. pagine:   160
 
 
  Ultima modifica scheda: Lucky 07/09/2018-21:17:25
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
L'immaginazione al potere è il celebre slogan coniato a Parigi, nel 1968, durante la cosiddetta rivoluzione di maggio. E Clifford Simak, che di immaginazione ne ha sempre avuta da vendere, l'ha preso alla lettera. Ma questo non è, ripetiamo non è, un romanzo di fantasy. Streghe e castelli incantati, soldati nordisti e sudisti, personaggi di romanzi e di fumetti, lupi mannari e serpenti di mare hanno qui una ragione d'essere perfettamente razionale, una funzionalità d'ordine niente affatto soprannaturale, una presenza e un potere tutt'altro che fiabeschi. Sono lo sterminato esercito dell'immaginazione, col quale l'umanità si trova tutto a un tratto a dover fare i conti; e sono forse, suggerisce Simak come l'anonimo contestatario parigino, la sola via per uscire dal vicolo cieco in cui la nostra specie si è cacciata.