Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
rammstein Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Gianni di Firenze Gianni di Firenze 
MILES VORKOSIGAN MILES VORKOSIGAN 
Visitatore Visitatori(60)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:567
 
Piace a 2 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 6.17
 
N.:   559
L'immaginazione al potere
Clifford D. SIMAK (ps. di Clifford Donald SIMAK)
     Traduzione: Beata DELLA FRATTINA
     Copertina: Karel THOLE
 
Data:   7 Febbraio 1971 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Out of Their Minds, 1969
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   160
 
 
  Ultima modifica scheda: Lucky 07/09/2018-21:17:25
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
L'immaginazione al potere è il celebre slogan coniato a Parigi, nel 1968, durante la cosiddetta rivoluzione di maggio. E Clifford Simak, che di immaginazione ne ha sempre avuta da vendere, l'ha preso alla lettera. Ma questo non è, ripetiamo non è, un romanzo di fantasy. Streghe e castelli incantati, soldati nordisti e sudisti, personaggi di romanzi e di fumetti, lupi mannari e serpenti di mare hanno qui una ragione d'essere perfettamente razionale, una funzionalità d'ordine niente affatto soprannaturale, una presenza e un potere tutt'altro che fiabeschi. Sono lo sterminato esercito dell'immaginazione, col quale l'umanità si trova tutto a un tratto a dover fare i conti; e sono forse, suggerisce Simak come l'anonimo contestatario parigino, la sola via per uscire dal vicolo cieco in cui la nostra specie si è cacciata.