Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
nollicus Vedi il profilo utente 
mishita mishita 
victory Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
maxborgo maxborgo 
Gianni di Firenze Gianni di Firenze 
Sentinel Vedi il profilo utente 
francescodkr francescodkr 
Visitatore Visitatori(35)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Tascabili Bompiani - Bompiani

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:56670    
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N. Volume:   119
Titolo:   Il secondo libro dei robot
Autore:   Isaac ASIMOV
   Traduzione: Gian Luigi GONANO
   Copertina: Kenji SUMURA
 
Data Pubbl.:   21 Agosto 1978 ISBN:    non presente
Titolo Orig.:   The Rest of the Robots, 1964
Note:   Esiste una ristampa del 1988 con copertina diversa.
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   110 x 185
Contenuto:   Antologia  N. pagine:   272
 
 
  Ultima modifica scheda: trifide 27/01/2013-16:52:20
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Dopo aver raccolto in IO, ROBOT (1950) una prima manciata di episodi diventati romanzo ed epopea, Isaac Asimov, il grande romanziere e divulgatore americano di origine russa, non è riuscito a dimenticare i suoi meccanici eroi, ha continuato a riprendere il tema. I robot di Asimov non hanno in un certo senso precedenti letterari, ma hanno una discendenza immensa e ormai famosa. Nessun autore di fantascienza oggi si azzarda a inventare un robot, senza condizionarlo alle leggi asimoviane: 1) un robot non può recar danno a un essere umano nè può permettere che, a causa del proprio mancato intervento, un essere umano riceva danno; 2) un robot deve ubbidire agli ordini impartiti dagli esseri umani, purché tali ordini non contravvengano alla Prima Legge; 3) un robot deve proteggere la propria esistenza, purché questa autodifesa non contrasti con la Prima e la Seconda Legge.