Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Fantobelix Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Visitatore Visitatori(27)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Tascabili Bompiani - Bompiani

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:56669
 
Piace a 1 utente
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N.:   118
Io, Robot
Isaac ASIMOV
     Traduzione: Roberta RAMBELLI
     Copertina: Kenji SUMURA
 
Data:   14 Agosto 1978 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   I, Robot, 1950
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   110 x 185
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:   336
 
 
  Ultima modifica scheda: trifide 29/01/2013-15:05:58
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
"La concezione tradizionale delle storie di robot, nella fantascienza (per lo meno sino al 1940) prescriveva che il robot si ribellase al suo creatore ... Verso il 1940, comunque, cominciai a stancarmi di leggere racconti di quel tipo ... Sono lietissimo di ammettere che il mio nuovo punto di vista attecchì ..." dichiara Isaac Asimov, che appunto nel 1940 scrisse il primo episodio di Io, robot. Fondamentale nella storia della fantascienza, Io, robot, raccolta di episodi che aspirano più che ad essere un romanzo a contare come epopea, rappresenta al tempo stesso uno dei più affascinanti risultati della fantasia e una delle più brillanti inchieste sul mito e sulle possibilità della scienza. Le doti narrative di Isaac Asimov e le sue invenzioni sono di prim'ordine, e s'inseriscono in una tematica tecnologoco-sociale con la quale abbiamo dovuto fare i conti nelle decisioni riguardanti la nostra sopravvivenza.