Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
bibliotecario Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Mr.Chicago Vedi il profilo utente 
Visitatore Visitatori(59)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Tascabili Bompiani - Bompiani

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:56667
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N.:   67
La decima vittima
Robert SHECKLEY
     Traduzione: Roberta RAMBELLI
     Copertina: Kenji SUMURA
 
Data:   14 Novembre 1977 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Seventh Victim, 1953
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   110 x 185
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:   256
 
 
  Ultima modifica scheda: Stilgar 21/05/2012-18:03:13
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Robert Sheckley, 38 anni, l'inventore del gioco della Decima Vittima, l'autore di Pellegrinaggio alla terra e L'armatura di flanella grigia, è considerato il più brillante tra gli scrittori di fantascienza. Gli specialisti lo assegnano alla variante sociologica della science fiction, ma più semplicemente, per gli innumerevoli lettori affascinati dall'inesauribilità della sua inventiva e dalla sua intima conoscenza del futuro, Sheckley è soprattutto un maestro dell'antiutopia, che consiste nell'ipotizzare una società futura vista come un'esasperazione delle manie di quella attuale. Più di ogni altro autore di fantascienza, Sheckley si presta a un montaggio dei temi che gli sono congeniali: dalla macchina perfetta che impazzisce e crea disastri forse irreparabili, alla programmazione dell'amore secondo le esigenze dei consumatori, alla svalutazione della vita umana in un crudele gioco collettivo o individuale