Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
tehom tehom 
Gianni di Firenze Gianni di Firenze 
scifi1 scifi1 
astrologo astrologo 
Visitatore Visitatori(74)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Collezione Immaginario. Dick - Fanucci

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:5622
 
Piace a 7 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 8.50
 
Ma gli androidi sognano pecore elettriche?
Philip Kindred DICK
     Traduzione: Riccardo DURANTI
 
Data:   Aprile 2000 ISBN:    9788834707364
Tit.Orig.:   Do Androids Dream of Electric Sheep?, 1968
Note:   Questo stesso romanzo è presente con il titolo
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   140 x 220
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:  
 
 
  Ultima modifica scheda: Algernon 29/01/2018-14:37:25
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Tragico e grottesco assieme, il romanzo di Philip Dick racconta il panorama desolato della San Francisco del futuro, il desiderio di amore e redenzione che alberga nei più umili, trasformando il genere fantascientifico in un noir cupo e metafisico, in cui si muovono esseri umani e artificiali, cacciatori e vittime.
Ma gli androidi sognano pecore elettriche? - dopo l'enorme successo di Blade Runner, la trasposizione cinematografica diretta da Ridley Scott e interpretata da Harrison Ford - è diventato paradossalmente uno dei classici meno conosciuti del nostro tempo; oggi il romanzo e il film si rispecchiano e si confrontano, permettendo ai lettori di ricomporre l'immagine complessa e deformata di un mondo a venire che è già dentro di noi, sepolto nei sogni e nella fantasia collettiva del nuovo millennio.