Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(52)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Collezione Immaginario - Fanucci

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:56131
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
Titolo:   Mara e Dann
Autore:   Doris LESSING (ps. di Doris May TAYLER)
   Traduzione: Cristiana MENNELLA
   Copertina: Daniele COLAIACOMO
 
Data Pubbl.:   Settembre 2004 ISBN:    8834710320
Titolo Orig.:   Mara and Dann, 1999
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Cartonato con sovracoperta
Tipologia:   Principali Dimensioni:   150 x 228
Contenuto:   Romanzo  N. pagine:   532
 
 
  Ultima modifica scheda: Mr.Chicago 21/01/2019-18:55:51
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Il clima della Terra è cambiato. Il Nord è coperto completamente dai ghiacci, e gli uomini si sono rifugiati al Sud, caldissimo e secco. Mara e Dann, due fratelli di sette e quattro anni, vivono in Africa, che ora si chiama Ifrik. Soli e dispersi, rapiti dalla propria famiglia, vengono accolti da una donna gentile e affettuosa, ma la loro nuova esistenza è difficoltosa: la fame, la sporcizia, il pericolo accompagnano costantemente la loro vita. L’aridità e il fuoco distruggono la casa adottiva, e i fratelli sono costretti a spostarsi, ad affrontare l’ignoto, a misurarsi in una serie di avventure che li condurrà in un mondo completamente diverso, dove iniziare a scoprire di nuovo la vita...
Mara e Dann è prima di tutto un romanzo politico in cui Doris Lessing, attraverso la visione di un futuro possibile, commenta i peccati e la debolezza dell'umanità di oggi, per criticare le pulsioni di guerra, la schiavitù, il razzismo, la discriminazione sessuale, e per esaltare l'unica grazia salvifica del genere umano: la capacità di amare.