Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
victory Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Gianni di Firenze Gianni di Firenze 
H.P.L. Vedi il profilo utente 
Mr.Chicago Vedi il profilo utente 
Visitatore Visitatori(47)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:552
 
Piace a 18 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 7.88
 
N. Volume:   544
Titolo:   I mercanti dello spazio
Autore:   F. POHL (ps. di Frederik POHL) e C. M. KORNBLUTH (ps. di Cyril Michael KORNBLUTH)
   Traduzione: Andreina NEGRETTI
   Copertina: Karel THOLE
 
Data Pubbl.:   12 Luglio 1970 ISBN:    non presente
Titolo Orig.:   The Space Merchants, 1953
Note:   La consueta presentazione del romanzo, anzich√® essere in quarta di copertina √® riportata a pagina 3 per far posto alla presentazione del VIII Festival Internazionale del Film di Fantascienza
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  N. pagine:   168
 
RISTAMPA del numero: 297
 
  Ultima modifica scheda: Lucky 07/09/2018-21:03:34
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Il maggior merito di questo ormai classico romanzo di fantascienza sociologica non sta tanto nell'aver anticipato di oltre dieci anni tutti gli attuali temi della ¬ęcontestazione¬Ľ, nell'aver descritto con folgorante verosimiglianza una societ√† completamente ¬ęconsumistica¬Ľ; evitando le facili prediche, le invettive e i moralismi di serie, Pohl e Kornbluth - √® questa la loro geniale intuizione satirica - non gridano ¬ęal lupo!¬Ľ, ma cedono la parola al lupo stesso, cio√® a Mitchell Courtenay, alto funzionario di un'onnipotente agenzia pubblicitaria, contentissimo di s√©, del suo lavoro, della sua vita, perfettamente integrato nel ¬ęsistema¬Ľ. E stanno a vedere quello che gli succede.