Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
capitanklutz capitanklutz 
Mr.Chicago Vedi il profilo utente 
Visitatore Visitatori(60)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

SFBC - Science Fiction Book Club - prime edizioni - La Tribuna - Nuova serie del 1970

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:5499
 
Piace a 2 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 9.00
 
N.:   54
Pavana
Keith ROBERTS
     Traduzione: Guido ZURLINO
 
Data:   Marzo 1978 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Pavane, 1968
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   140 x 195
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   176
 
 
  Ultima modifica scheda: zecca_2000 28/11/2017-15:50:26
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Supponiamo che Elisabetta I sia stata assassinata nel 1588 e che la Grande Armada abbia avuto successo nella sua invasione: l’Inghilterra di Shakespeare e di Edmund Spenser sarebbe così caduta nelle mani del cattolicissimo sovrano di Spagna, Filippo II, e l’autorità della Chiesa Cattolica (cum Inquisizione) si sarebbe rinsaldata in tutta Europa. Pochi ostacoli avrebbero poi potuto frapporsi all’allargamento di questo dominio al Nuovo Mondo... ma cosa sarebbe successo, dopo? Costruire un universo parallelo al nostro e al tempo stesso completamente diverso non è certo un’operazione da poco, in special modo quando l’obiettivo di uno scrittore decide di indagare una possibilità affascinante nata da due spunti storici ’incrinati’ come quelli esposti sopra. Eppure Keith Roberts è riuscito magnificamente nel suo intento di tessere una storia alternata, utilizzando una maestria stilistica che è davvero rara nella fantascienza moderna: sempre in equilibrio fra una sottile vena lirica e un amaro realismo, questo non è un romanzo che si possa dimenticare facilmente. Anche perché non si potrà mai cancellare dalla mente la sensazione che i personaggi del libro, allacciati nelle austere movenze di una pavana seicentesca, percorrano i sentieri di una storia troppo plausibile per essere solamente inventata.