Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
massimo massimo 
raffa raffa 
Visitatore Visitatori(45)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

SFBC - Science Fiction Book Club - prime edizioni - La Tribuna - Nuova serie del 1970

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:5494
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N.:   49
Quando le radici
Lino ALDANI
 
Data:   Gennaio 1977 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Quando le radici, 1977
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   140 x 195
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   184
 
 
  Ultima modifica scheda: zecca_2000 24/10/2017-18:41:43
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Era inevitabile che prima o poi lo SFBC ospitasse autori italiani, e c’erano fortissime probabilità che il nome più indicato ad inaugurare la serie fosse quello di Lino Aldani. Noto in Italia e forse anche più all’estero per una quasi ventennale carriera di scrittore e critico (suo fu il primo testo critico italiano sulla fantascienza, edito dalla CELT nel 1962), Aldani ha preparato per il suo ritorno un romanzo magistrale. In un’Italia del 1998 che ormai ci tocca da vicino, dove paesi e città di provincia hanno lasciato il posto a megalopoli smisurate e disumananti, fra i sussulti di una classe politica che oscilla da destra a sinistra, si muove la storia di Arno, complessa figura alla ricerca di un ruolo più umano nella società che tenta di soffocare ogni ribellione (conscia o meno). Legato per volontà paterna al nome di un fiume e nato sulle sponde di un altro corso d’acqua essenziale all’economia del romanzo, Arno ritorna alla terra dell’infanzia con speranze e disillusioni, soffrendo sulla propria pelle la profondità di certe radici sociali e individuali. Ma quando le radici sono profonde, non c’è vento, bufera o cataclisma che possa schiantare l’albero: esso perirà solo quando verrà meno la linfa vitale della terra che lo ha generato. Nella sua operazione di analisi di queste radici Aldani sa costruire una storia che parla una lingua universale. Forse è in questo il merito principale e nuovo del romanzo; nel sapersi erigere a parabola generale di un’alienazione che è ormai dentro di noi, e nei suoi contenuti che risuonano nelle nostre radici.