Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(24)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:544    
 
Piace a 10 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 7.63
 
N. Volume:   536
Titolo:   Chocky
Autore:   John WYNDHAM (ps. di John Wyndham Beynon HARRIS)
   Traduzione: Maria Benedetta DE CASTIGLIONE
   Copertina: Karel THOLE
 
Data Pubbl.:   22 Marzo 1970 ISBN:    non presente
Titolo Orig.:   Chocky, 1968
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  N. pagine:   168
 
 
  Ultima modifica scheda: victory 28/01/2014-17:42:50
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Si sa che quasi tutti i bambini, oltre a parlare seriamente con bambole e orsacchiotti, s'inventano volentieri dei compagni immaginari coi quali dividere i loro giochi. Sono, volta a volta, cow-boy, pirati, maghi, moschettieri, giocatori di foot-ball, o semplicemente altri bambini (di solito più piccoli) da strapazzare e sgridare a piacere. Ma il padre del dodicenne Matthew, protagonista di questo romanzo, del celebre creatore dei Trifidi, nota con una certa perplessità che l'immaginario amico di suo figlio non cambia mai. Chocky, invisibile, è sempre presente, mattino, pomeriggio e sera, segue Matthew a scuola, lo accompagna in vacanza, lo disturba mentre studia, lo ossessiona con mille difficilissime domande, gli insegna un suo bizzarro sistema di calcolo, gli suggerisce inquietanti disegni. È il caso di chiamare uno psichiatra? O l'onnipresente Chocky è qualcosa di più, di diverso, da una fantasticheria di bambino troppo nervoso?