Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(48)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

I Libri di Fantasy - Fanucci - I Libri di Fantasy. 1a serie

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:5421
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N.:   20
Dilvish il Maledetto
Roger ZELAZNY
     Traduzione: Gianni PILO
     Copertina: Boris VALLEJO
 
Data:   Gennaio 1988 ISBN:    9788834700488
Tit.Orig.:   Dilvish the Damned, 1982
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantasy
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   142 x 210
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:   220
 
 
  Ultima modifica scheda: Grianne 14/07/2016-00:33:07
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
“Fuggire dall’Inferno fu solo l’inizio per Silvish e Black, il suo cavallo d’acciaio demoniaco. L’unica cosa che gli premeva era trovare Jelerak,, il diabolico Mago che in precedenza gli aveva inflitto duecento anni di torture inenarrabili. Ma il destino aveva in mente per lui degli altri piani. Gli eserciti del colonnello Lylish avevano invaso la sua terra natale, e soltanto Black sarebbe stato in grado di condurre Dilvish attraverso le linee nemiche per portare aiuto al Re. La città di Dilfar era assediata e soltanto Dilvish, discendente di Selar, era in grado di far sorgere le Legioni di Fantasmi di Shoredan per poter usufruire del loro aiuto. Una bellissima fanciulla in difficoltà lo pregò di aiutarla: ma, in realtà, voleva il suo sangue! Due Maghi poi, avevano bisogno di lui come pegno in un gioco mortale avente per premio il potere. Infine, un’antica Dea dimenticata cercò – e fallì – nell’intento di fermare la sua inesorabile vendetta! Alla fine, mentre Dilvish scalava l’imprendibile fortezza di Jelerak, la Torre di Ghiaccio, si accorse che davanti a lui non c’era altro se non tutta una serie di nuovi, tremendi pericoli che ancora lo dividevano dal suo antico nemico….“.