Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(45)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:533
 
Piace a 3 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 6.88
 
N.:   525
L'occhio nel cielo
Philip K. DICK (ps. di Philip Kindred DICK)
     Traduzione: Beata DELLA FRATTINA
     Copertina: Karel THOLE
 
Data:   19 Ottobre 1969 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Eye in the Sky, 1957
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   160
 
RISTAMPA del numero: 201
 
  Ultima modifica scheda: Lucky 07/09/2018-18:30:30
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
E' di moda, da qualche anno, il cosiddetto problema dell'alienazione. Molta gente si sente, o dice di sentirsi, a disagio nel proprio mondo, estranea, tagliata fuori; peggio ancora, ha l'impressione di essere manipolata, usata come un oggetto, ridotta a passivo strumento in un gioco maligno e incomprensibile. A quanti soffrono di tali afflizioni, vere o immaginarie, consigliamo la lettura di questo libro, dove in seguito a un incidente scientifico, otto persone diversissime (un negro, una zitella, un vecchio militare, un ingegnere con la moglie, un poliziotto, ecc.) si trovano a vivere in un mondo che non ha grottescamente più nulla a che fare con quello conosciuto da loro. C'è chi cerca di adattarsi, e chi cerca di uscirne. Ma solo per entrare in un altro mondo, completamente diverso dal primo, e altrettanto pazzesco. E così di seguito, in un crescendo di alienazioni, una più sbalorditiva, pericolosa e assoluta dell'altra, vicino alle quali la nostra pur deplorevole società sembrerà poco meno che un paradiso.