Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Algernon Algernon 
Visitatore Visitatori(42)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Edgar Fantascienza - Interno Giallo

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:5245
 
Piace a 5 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 8.50
 
N.:   1.4
I mercanti dello spazio
Frederik George POHL jr. e Cyril Michael KORNBLUTH
     Traduzione: Andreina NEGRETTI
     Copertina: KIKE
 
Data:   Aprile 1991 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   The Space Merchants 1953
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   126 x 195
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:  
 
 
  Ultima modifica scheda: Algernon 23/04/2015-23:59:04
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Per un buon pubblicitario nulla √® impossibile, ed √® proprio questo che deve dimostrare Mitchell Courtenay quando l'agenzia per cui lavora gli affida un progetto di grande importanza: la colonizzazione di Venere. E poco importa se Venere ha un'atmosfera irrespirabile e le condizioni di vita ipotizzabili sono durissime. La Terra √® sovrappopolata, lo spazio e nuovi mercati sono i beni pi√Ļ preziosi. Mitchell √® un mago delle strategie pubblicitarie e sa come lavorare sull'immaginarlo collettivo. E anche se si deve muovere tra colleghi infidi che gli procureranno guai di ogni genere, alla fine il progetto Venere, anche se in maniera molto inconsueta, avr√† pieno successo.

Scritto nel 1953 i Mercanti dello spazio è un classico della fantascienza sociologica, che conserva intatta la sua forza di allegoria satirica sugli eccessi e le distorsioni della società dei consumi.