Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(39)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Edgar Fantascienza - Interno Giallo

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:5245    
 
Piace a 6 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 8.30
 
N. Volume:   1.4
Titolo:   I mercanti dello spazio
Autore:   F. POHL (ps. di Frederik POHL) e C. M. KORNBLUTH (ps. di Cyril Michael KORNBLUTH)
   Traduzione: Andreina NEGRETTI
   Copertina: KIKE
 
Data Pubbl.:   Aprile 1991 ISBN:    8835600782
Titolo Orig.:   The Space Merchants, 1953
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   126 x 195
Contenuto:   Romanzo  N. pagine:   160
 
 
  Ultima modifica scheda: Mr.Chicago 08/01/2019-19:04:37
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Per un buon pubblicitario nulla è impossibile, ed è proprio questo che deve dimostrare Mitchell Courtenay quando l'agenzia per cui lavora gli affida un progetto di grande importanza: la colonizzazione di Venere. E poco importa se Venere ha un'atmosfera irrespirabile e le condizioni di vita ipotizzabili sono durissime. La Terra è sovrappopolata, lo spazio e nuovi mercati sono i beni più preziosi. Mitchell è un mago delle strategie pubblicitarie e sa come lavorare sull'immaginarlo collettivo. E anche se si deve muovere tra colleghi infidi che gli procureranno guai di ogni genere, alla fine il progetto Venere, anche se in maniera molto inconsueta, avrà pieno successo.

Scritto nel 1953 i Mercanti dello spazio è un classico della fantascienza sociologica, che conserva intatta la sua forza di allegoria satirica sugli eccessi e le distorsioni della società dei consumi.