Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
tehom tehom 
maxborgo maxborgo 
micmakes micmakes 
Visitatore Visitatori(81)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:523
 
Piace a 3 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 6.50
 
N.:   515
I nomadi dell'infinito
Poul ANDERSON
     Traduzione: Andreina NEGRETTI
     Copertina: Karel THOLE
 
Data:   1 Giugno 1969 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Star Ways, 1956
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   168
 
RISTAMPA del numero: 183
 
  Ultima modifica scheda: victory 27/01/2014-16:46:17
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Come per molti appassionati il solo vero jazz √® il dixieland, cos√¨ per non pochi fans la sola vera fs resta quella delle immense aperture sul cosmo, delle libere scorribande tra mondi sconosciuti, del felice e avventuroso nomadismo interstellare. √ą forse, e soprattutto, il senso, e il fascino, dei grandi spazi che attira il lettore, per contrasto con le innumerevoli ristrettezze cui ci costringe la civilt√† d'oggi: lo stesso bisogno istintivo che ancora spinge un pubblico vastissimo verso i libri di marineria e i western. Ma gli scrittori che abbiano saputo portare questo particolare genere di fs dalla rozza ingenuit√† dei primordi a un livello di eccellente artigianato, si contano sulle dita di una mano: fra di loro fa spicco Poul Anderson che con queste celebri peripezie dei suoi mercanti-esploratori ha composto una piccola perfetta odissea sullo sfondo dell'infinito.