Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
robdimo Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Fantobelix Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Mr.Chicago Vedi il profilo utente 
Visitatore Visitatori(30)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

I Classici del Giallo - Mondadori - Striscia Bianco Rossa

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:51611
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N.:   525
Uno studio in rosso
Arthur Conan DOYLE
 
Data:   10 Marzo 1987 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   A Study in Scarlet, 1887
Note:  
 
Genere:   Libri->Gialli
 
Categoria:   NON FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   110 x 183
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:  
 
 
  Ultima modifica scheda: maxborgo 05/04/2014-20:53:38
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Al n.3 di Lauriston Garden, un agente di Scotland Yard scopre in una casa disabitata il cadavere di un certo Enoch J.Drebber. Non ci sono segni di rapina. Nella stanza tracce di sangue. Ma il cadavere non presenta alcuna ferita. Un autentico rompicapo per la polizia che chiama in causa Sherlock Holmes, l'unico in grado di aiutarla a risolvere il mistero. Al piĆ¹ grande investigatore di tutti i tempi, bastano, per dipanare la matassa, un cadavere, due lettere, la cenere di un sigaro. Con questo romanzo pubblicato nel 1887, Conan Doyle creava una delle figure piĆ¹ leggendarie della narrativa gialla. In occasione del suo centenario riproponiamo il romanzo di esordio, nella nuova traduzione di Oreste Bruno.