Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Glystra Vedi il profilo utente 
Fantobelix Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
adso adso 
Visitatore Visitatori(37)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Gli Esploratori dello Spazio - Editrice Romana Periodici

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:5090
 
Piace a 2 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 6.50
 
N.:   4
Il castello d'acciaio
Lyon Sprague DE CAMP e Murray Fletcher PRATT
     Traduzione: Paolo PAOLONI
     Copertina: Mario FERRARI
 
Data:   1 Marzo 1962 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   The Castle of Iron, 1941
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura con sovraccoperta
Tipologia:   Principali Dimensioni:   115 x 180
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:  
 
 
  Ultima modifica scheda: fantagufo 01/11/2010-18:31:40
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Aroldo Shea si ritrovò in un mondo mitologico che incuteva timore. Non si poteva certo dire che. fosse il posto adatto ad un freddo scienziato come lui. Ma era anche un essere umano, e non possiamo biasimarlo se gioì del romantico ruolo affidatogli nella sua avventura tra ippogrifi bizzarri e donne seducenti ed... incantevoli. La causa di questa sua avventura fu il dottor Chalmers, lo psicologo. Egli aveva sviluppato una teoria che asseriva esservi un numero pressoché illimitato di universi contigui, separati solo dalle limitazioni del pensiero umano. La formula che egli aveva scoperto proiettò Aroldo Shea in una nuova vita di pericolo. Malgrado fosse un mondo in certo qual modo familiare, pure era un mondo fantastico, dove la magia era un fenomeno naturale come la legge sulla gravità.