Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(40)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Biblioteca Adelphi - Adelphi

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:50721
 
Piace a 1 utente
Non piace a 0 utenti
Media: 8.00
 
N.:   439
Puck il folletto
Rudyard KIPLING
     Traduzione: Ottavio FATICA
     Copertina: Marianna GARTNER
 
Data:   Febbraio 2003 ISBN:    8845917592
Tit.Orig.:   Puck of Pook’s Hill, 1906
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantasy
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura con sovraccoperta
Tipologia:   Principali Dimensioni:   140 x 220
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:   220
 
 
  Ultima modifica scheda: Stilgar 10/10/2012-11:58:55
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
«Il mio Demone era con me nei Libri della Giungla, in Kim e nei due libri di Puck» dichiara Kipling nell'autobiografia. E dobbiamo credergli. Perché sono davvero le sue opere più ispirate: prova ne sia che sono anche le più amate dai lettori di ogni età e di ogni epoca. Nel caso di questa raccolta, a operare il miracolo è dunque Puck, piccolo fauno di shakespeariana memoria, vecchio come il Tempo, capace di ricreare il Passato davanti agli occhi di due fratelli, Dan e Una, che vengono così iniziati - celatamente - agli Arcani dell'Impero, nella fattispecie quello britannico. Grazie alla potenza della sua magia evocativa, in un trittico di racconti di rara epicità, vediamo in azione i centurioni romani di stanza al Vallo di Adriano e i cavalieri della conquista normanna, assistiamo a una razzia dei vichinghi sulle coste dell'Africa (seguita da una memorabile battaglia contro i gorilla per il possesso di un tesoro) e allo struggente esodo delle Fate, il Popolo delle Colline, dall'isola di Albione. Sono racconti bagnati da una grazia peculiare, dietro i quali, per ammissione dello stesso scrittore, si nascondono echi e riverberi infiniti. Ma sono anche le pagine con cui Kipling, l'infaticabile globe-trotter angloindiano, paga il suo tributo all'Inghilterra, «il più meraviglioso di tutti i paesi stranieri dove sia mai stato».
I racconti qui radunati coprono un arco cronologico che va dal 1906 al 1910.