Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Kane Kane 
Visitatore Visitatori(57)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Collezione Immaginario. Fantasy - Fanucci

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:49731
 
Piace a 3 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 9.00
 
La Nave della Pazzia
Robin HOBB (ps. di Margaret Astrid LINDHOLM-OGDEN)
     Traduzione: Paola Bruna CARTOCETI
     Copertina: Stephen YOULL
 
Data:   19 Settembre 2006 ISBN:    8834712161
Tit.Orig.:   The Mad Ship, 1999 [2/2]
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantasy
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Cartonato con sovracoperta
Tipologia:   Principali Dimensioni:   165 x 250
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   368
 
 
  Ultima modifica scheda: Grianne 04/05/2016-18:41:56
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Un nuovo volume dell'appassionante saga dei Mercanti di Borgomago da una delle più amate autrici della fantasy contemporanea. Seguito di La nave dei pirati. La Vivacia, il vascello vivente che appartiene alla famiglia Vestrit da generazioni, è stata catturata dal malvagio pirata Kennit, che tiene in ostaggio anche il nipote e lo zio di Althea Vestrit. La giovane, decisa a rivendicare a ogni costo i propri diritti di eredità sulla nave, si lancia nel disperato tentativo di liberarla, sapendo di avere come unici alleati il capitano Brashen, la stravagante Amber e il vascello vivente Paragon. La minaccia dei pirati, una ribellione di schiavi, serpenti marini migranti e un misterioso drago sono solo alcune delle enormi difficoltà per la realizzazione di un ardimentoso progetto le cui possibilità di riuscita comportano rischi inimmaginabili, peggiori perfino dell'ipotesi di abbandonare per sempre il vascello nelle mani di colui che lo ha sottratto.